Roma ospita domani e venerdì, Il Secondo Workshop Scientifico dei Responsabili della Qualità dei Laboratori Antidoping riconosciuti dall’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA). Il Workshop si svolge sotto l’egida della WAADS (World Association of Anti Doping Scientists), l’associazione scientifica internazionale che comprende esperti di tutti i laboratori WADA.

Il Workshop, la cui prima edizione si è svolta a Ghent (Belgio) nel Gennaio 2014, è quest’anno organizzato dal Laboratorio Antidoping della Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), l’unico accreditato dalla WADA nel nostro Paese, vede la partecipazione dei manager della qualità di 20 laboratori antidoping già accreditati o in via di accreditamento (Austria, Belgio, Francia, Germania, Inghilterra, Grecia, India, Italia, Messico, Norvegia, Portogallo, Polonia, Romania, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tailandia, Qatar e Turchia).

L’obiettivo del workshop è quello di discutere in merito all’armonizzazione di metodi e procedure di laboratorio alla luce dei recenti aggiornamenti della normativa WADA e della norma ISO17025, che regola l’accreditamento dei laboratori abilitati a fornire la prova delle positività i test.

La novità più significativa dell’edizione di quest’anno è data dalla presenza, nella seconda giornata dei lavori, di un alto rappresentante della WADA, il Dr. Osquel Barroso, che opera nella direzione scientifica della WADA stessa, presso la sede centrale di Montreal (Canada). Il Dr. Barroso si è reso disponibile a partecipare alla discussione degli aspetti più rilevanti emersi dai lavori della prima giornata del workshop.

L’importanza di incontri tecnici di questo tipo va vista in una prospettiva di lotta al doping sempre più moderna ed efficace che, per quel che riguarda l’attività dei laboratori accreditati, è finalizzata a garantire la massima solidità del dato analitico fornito dai laboratori accreditati, e non può prescindere da un’interpretazione armonica e internazionalmente condivisa di norme e regolamenti, nell’ottica di una sempre più stretta e proficua collaborazione scientifica a livello internazionale.

Questo sito utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.