ANTIDOPING – CHI SIAMO

La FMSI ha come scopo statutario quello di garantire la tutela della salute e l’educazione alla salute di tutti coloro che praticano o intendono praticare attività sportiva. Assicura l’assistenza medica, tecnica e sanitaria indispensabile all’Organizzazione Sportiva e tutela la salute degli atleti delle Squadre Nazionali o delle Società Sportive.

Inoltre, assicura il controllo antidoping avvalendosi dei propri Medici Ispettori (DCO/BCO) e del Laboratorio Antidoping di Roma, unico esistente in Italia accreditato dalla WADA e certificato ISO 17025, rinnovato e potenziato nelle strutture, con un organico di alta specializzazione, capace di assicurare un potenziale di analisi di 16.000 campioni annui, fortemente impegnato nel campo della ricerca scientifica.

Decreto 14 febbraio 2012 – G.U. Serie Generale, n. 70 del 23 marzo 2012          
Decreto del Ministero della Salute – Norme procedurali per l’effettuazione dei controlli anti-doping di competenza della Commissione per la vigilanza e il controllo sul doping e per la salute nelle attività sportive

[…] Preso atto delle competenze in materia di controlli antidoping, in gara e fuori gara, attribuite agli ispettori medici Doping Control Officer/Blood Control Officer, di seguito DCO/BCO, della FMSI e al Laboratorio, accreditato dalla Word Anti-Doping Agency, di seguito WADA, della Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI) […];

DECRETA

Art. 1 – Campo di applicazione
[…] 3. La realizzazione dei controlli anti-doping per la tutela della salute avviene d’intesa con la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), di seguito denominata «organismo convenzionato», con cui la Commissione stipula apposita convenzione secondo modalità aderenti alla presente procedura e in  collaborazione con il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, alle dipendenze funzionali del Ministro della Salute.

La Commissione compila anche ai sensi dell’art. 8, comma 1, lettera h, del decreto del Ministro della salute 31 ottobre 2001, n. 440, l’elenco degli ispettori medici DCO/BCO della FMSI per l’esecuzione dei prelievi, su indicazione dell’organismo convenzionato.

Sulla scelta delle competizioni e attività sportive oggetto di controllo anti-doping di competenza della Commissione, sulle designazioni degli ispettori medici DCO/BCO della FMSI, sull’effettuazione dei prelievi, sui nominativi degli atleti da controllare e controllati, sull’esito delle analisi, è mantenuto il segreto d’ufficio.

Art. 2 – Modalità di organizzazione
[…] 2. L’ispettore medico DCO/BCO della FMSI individuato per il prelievo è designato con formale atto di incarico […].

Art. 7 – Analisi di Laboratorio
[…] 3. Le analisi dei campioni A e B, contenuti nei rispettivi flaconi, vengono svolte esclusivamente dal Laboratorio di Analisi Anti-doping della FMSI […].

 

Il Medico DCO/BCO FMSI: l’eccellenza italiana

Il Doping Control Officer/Blood Control Officer della FMSI:

– È medico iscritto all’Albo dell’Ordine dei Medici, pertanto, sottoposto al Codice Deontologico di Etica Professionale e al rispetto della Privacy ex D.Lgs. 196/2003

– È tenuto al rispetto del vincolo di riservatezza, la professione di Medico garantisce totalmente il rispetto della normativa WADA

– È incaricato di Pubblico Servizio

– È un ruolo previsto dalla legge italiana per i controlli del Ministero della Salute – CVD (L. 376/2000 – D.M. 72/2012)

– In quanto Medico, è qualificato a gestire con maggiore attenzione i controlli antidoping rivolti ad Atleti diversamente abili

– Ha la Doppia Certificazione “ISO” da parte di due distinti Organismi Certificatori: Bureau Veritas e QSA Verification